Archivi tag: manichino

Amici

In vita mia non mi sono mai guardata indietro, faccio le mie scelte e vado avanti, se necessario o possibile correggo la rotta, ma mai mi sono fatta prendere da rimpianti, dai se e dai ma.

Otto anni fa, io e biru, abbiamo lasciato l’Italia per ripartire da zero in un paese nuovo, lingua nuova e soprattutto una prospettiva nuova. Ci siamo lasciati alle spalle tutti e due le ambizioni in campo professionale, non ci interessavano piú, quello che cercavamo era una vita serena e tranquilla, il lavoro serviva solo per vivere tranquilli, non ci saremmo ammazzati per fare soldi.

Non ci siamo mai fatti problemi, io per esempio ho lavorato in questi anni come lavapiatti, come fotografa, come disegnatrice, come responsabile di un’azienda pubblicitaria. Mi è capitato di essere sfruttata, come lavapiatti ho guadagnato meglio che come fotografa per esempio, mi è capitato di subire una sorta di razzismo a rovescio, sei italiana e ti credi meglio di altri, ma non mi sono creata troppi problemi, la mia vita era fuori dal lavoro e lo stesso per biru.

Come qualsiasi altra famiglia abbiamo avuto alti e bassi, ma non ci siamo mai sentiti infelici, ci siamo sempre ritagliati i nostri momenti di “lati positivi”, d’altra parte non siamo persone che stanno a piangersi addosso se non hanno qualche migliaio di euro in tasca e la servitù in casa (ma, dio bono, possibile che al giorno d’oggi ci siano ancora persone che utilizzano quella parola???)

Ora ci troviamo esattamente nella posizione in cui non vorremmo esserci trovati, rinunciare a tutto per un progetto che si è rivelato una galera.

Sei mesi fa abbiamo creduto ad una coppia di “amici”, abbiamo creduto che forse era il momento di dare un’altra svolta alla nostra vita, avremmo sí rinunciato alla nostra libertá,  ai nostri piccoli e grandi progetti, ma avremmo costruito qualcosa insieme a qualcuno con cui condividere una bella esperienza, sapevamo che ci aspettavano mesi di duro lavoro ma che avremmo messo in piedi molto piú che un ristorante.

Non era la prima volta che biru riceveva offerte per aprire un ristorante qui, e lo confesso, sono sempre stata io a bocciare le proposte, anche quando la crisi era ben lontana dalla Spagna e di soldi ne circolavano parecchi in questa zona, memore di esperienze passate con aziende, soci e società, ho sempre rifiutato di impegolarmi in un ristorante, prima di tutto perchè non è il mio lavoro e in secondo luogo perchè ho sempre pensato e continuo a pensare che per quanti soldi possa darti un lavoro non ti restituirà mai il tempo rubato alla tua libertá, alle tue passioni e a tutte quelle “cazzate non produttive” che rendono la vita degna di essere vissuta.

Tipico esempio di attività improduttiva di Mila&Biru … cazzeggiare in cucina con la macchina fotografica.

Questa volta era diverso, credevo davvero di aver trovato due amici con la A maiuscola, in particolare un’amica, pensavo davvero che fosse una persona speciale, biru ne era convinto quanto me. Con il passare del tempo abbiamo cominciato ad avere dei dubbi, ma ogni volta li giustificavamo con le “terribili esperienze” che avevano avuto prima di arrivare in Spagna. Ci siamo fidati al punto di mettere le firme anche per loro, di farci carico di tutte le responsabilità, di montare un ristorante da soli, di passare un inverno in mezzo alla polvere tra muratori, elettricisti, idraulici, problemi e soluzioni da cercare, e loro … sempre troppo stanchi per uscire di casa, o troppo malati per rischiare di prendere freddo o polvere, troppo presi dai loro gravissimi problemi (tipo cercare ormoni per i gatti, o dover sopravvivere senza servitù e segretari), troppo stressati per pensare ad altro che non fosse un gioco nuovo per il pc o come usare meglio la banda adsl, perchè lavorare è una cosa da poveri… e con l’adsl spagnola si medita meglio.*

Il resto è storia, a 15 giorni dall’apertura del ristorante cominciano a ricattarci, tanto ormai il grosso del lavoro è fatto, hanno avuto un cuoco professionista che non solo si è fatto carico dei progetti e della messa in opera ma li ha pure seguiti giorno per giorno senza pretendere né compensi né una valutazione degli stessi, hanno avuto un’altra imbecille che ha lasciato il suo lavoro (e in Spagna se dai le dimissioni non hai neanche diritto ad un indennizzo e la liquidazione non esiste) per seguire i lavori, la parte grafica, la parte contabile, la progettazione della sala e del bar e sempre senza nessuna garanzia.

E pensare che per la prima volta in vita mia ho messo su un piatto i miei sentimenti, pensando che dall’altra parte ci fosse la solita crisi di panico per motivi futili, ho pensato che fosse il caso di farle sapere che “... ti voglio bene, e succeda quel che succeda ti vorrò sempre bene“. Ecco, siccome il mio messaggio era stato inviato per mail lei per essere sicura che la sua posizione fosse ancora piú chiara della mia mi ha chiamato al telefono per dirmi che “mi dispiace ma io davanti ai soldi non guardo in faccia a nessuno“. E il giorno dopo quando ci siamo visti, mentre io e biru cercavamo di scaricare un camion di sedie e tavoli e loro stavano a guardare, si è pure stizzita perché avevo i maroni di traverso… giusto per capire l’importanza che poteva avere per lei la parola amicizia.

Credo di poter dire che questa è stata la piú grossa delusione della mia vita, che oltretutto ha avuto conseguenze pesanti: ci troviamo a lavorare come schiavi, senza garanzie, senza remunerazioni e sottoposti a ricatti e minacce (oltre gli insulti e le calunnie gratuite), con i debiti da pagare e devo ammettere che spesso alla mattina apro gli occhi e mi chiedo “ma chi cazzo me lo fa fare?

Se ho perso fiducia nel prossimo? Assolutamente no, non sono le persone che mi deludono a cambiarmi, sono piuttosto quelle che mi sorprendono con gesti di fiducia e solidarietà inattesi a cambiarmi in meglio, quelli che ti regalano un sorriso perchè sí, quelli che ti danno una pacca sulla spalla e ti dicono se posso fare qualcosa … ne sono sempre stata convinta e continuo ad esserlo, il mondo è pieno di belle persone è solo che sono i coglioni a fare statistica.

*Ci sarebbero diversi episodi che riguardano soprattutto il monaco buddista, nonché principe consorte, che sarebbero degni di un copione per un film comico o tragicomico viste le conseguenze ….

Altro esempio di attività improduttiva della premiata ditta Mila&Biru: andarsene a zonzo in fuoristrada a scoprire miniere abbandonate

Microstock – Settimana 7/12 – 13/12

Settimana in calo rispetto la precedente ma comunque nella media degli ultimi mesi.

Mi aspetto un ulteriore calo con l’avvicinarsi delle feste come è successo l’anno scorso e quest’anno ho prodotto poco per il Natale.

Dreamstime si fa sorpassare ancora una volta da iStock, settimana scarsa … Non hanno ancora stornato il “customer refund” della settimana scorsa, magari si sono dimenticati e mi lasciano i soldi :mrgreen:

Molti abbonamenti e formati piccoli, questa almeno l’ho venduta 2 volte:

Christmas card with a bee Santa Claus
© Photographer: Milacroft | Agency: Dreamstime.com

Referral code Dreamstime

Anche Fotolia batte un po’ la fiacca ma mantiene comunque una media discreta. Meno abbonamenti e piú licenze vettoriali rispetto al solito.

Referral code Fotolia

Shutterstock registra una settimana normale, niente di che e comunque con la media degli ultimi mesi, la mancanza di illustrazioni in quantità si fa notare. Unica nota positiva, alcune OD in piú rispetto il mese scorso.

Referral code Shutterstock

iStockphoto sta andando bene, vendo qualcosa quasi tutti i giorni e siccome i guadagni per immagine sono buoni, si sta facendo posto tra le prime posizioni della mia personale classifica, per questa settimana si piazza 3º superando Dreamstime. Viaggiano bene i pannelli solari, venduta 2 volte questa settimana:

Referral code iStockPhoto

123RF non si schioda dalla sua media, ma tutto sommato va bene cosí non è che ci perda molto tempo su questo sito.

Venduti bene alcuni numeri:

Animals and numbers series for kids, from 0 to 9 - 3 snails photo

Referral code 123RF

StockXpert registra un leggero calo, è pure arrivata una mail a proposito di abbonamenti su Jupiter, circuito Getty, doppioni per chi è iscritto anche su iStock … sí insomma non c’ho capito una mazza ma prometto di informarmi e farvi sapere.

Un pay-per-download da 1.50$

Su Canstock una vendita da 30 centesimi

Referral code CanStockPhoto

Su Veer nessuna vendita e revisioni al rallentatore …

Su Panthermedia mi hanno finalmente contabilizzato le 4 vendite in abbonamento di ottobre, meglio tardi che mai. Sono tutte della stessa serie:

Questa settimana mi hanno bocciato quasi tutto facendo precipitare la mia media e quasi tutte le bocciature sono senza motivazione, ma visto l’andamento delle vendite non è che ci perda il sonno ….

Referral code Panthermedia

Su Crestock 2 vendite da 25 centesini, no dico, 2 vendite!! Non so se rendo …. ben 50 centesimi tutti in un colpo!

Hanno scaricato due serie di biglietti da visita

Referral code Crestock

Statistiche Globali > >

i raccomandati

Frad su Dreamstime
Thestalker su Dreamstime
Saledan su Dreamstime
Famon su Dreamstime
Riccardo su 123RF
Cristina su 123RF
Slowdog su 123RF
Acies su 123RF
Cristina su Shutterstock
Marino su Shutterstock
Nikoniano su Crestock
Lolloj su Crestock
Jordache su Crestock

Upload once - Sell everywhere! iSyndica, the web distributor

Customer refund…

Ecco l’incubo dei microstokkari … il rimborso di una vendita!

É un argomento delicato e molto discusso, soprattutto per la poca, per non dire nulla, trasparenza che lo circonda.

Di certo c’è solo che per svariati motivi il fotografo/illustratore si ritrova a dover rimborsare al sito soldi guadagnati anche dopo molti mesi e la cosa interessante è che non gli verrá mai detto qual’è esattamente questo motivo.

Fotolia credo avverta l’autore se c’è un problema tecnico nel file e per questo motivo il cliente ha chiesto il rimborso (ma i revisori non lo hanno visto?), per il resto nebbia.

Fotolia è il sito piú criticato in tema di rimborsi per frode con carta di credito, visto che spesso sono passati molti mesi dall’acquisto, personalmente ho avuto problemi con i rimborsi solo su Dreamstime. La frode con carta di credito lascia molti dubbi, prima di tutto a rimetterci è solo il fotografo, il sito perde una vendita, ma in fondo è come se non l’avesse fatta, l’immagine però è stata comunque scaricata quindi è probabile che entri nel circuito commerciale a danno del fotografo … oltre il danno la beffa. Dal mio punto di vista la responsabilità è del sito che si occupa della vendita, non del fotografo che non ha nessuna possibilità di controllare le transazioni. I siti non hanno un buon sistema di controllo? Affari loro: che facciano un assicurazione, che aumentino i controlli, perché devono far ricadere il problema solo sulle spalle del fotografo?

Bhè, io la vedo così, come detto prima per il sito è solo una mancata vendita quindi il rischio è a costo ZERO, il fotografo mette lì la foto, se la vende bene, se non la vende chissenefrega è solo un microspazio sul server, se vende e chi compra usa una carta rubata … chissenefrega e si torna al punto 2 … mancata vendita e ci si riprende i soldi del fotografo, COSTO ZERO. Perchè spendere soldi per sviluppare nuovi sistemi di sicurezza e controllo quando il problema non produce costi?

Ma vi diranno che i motivi possono essere molteplici, non ci sono solo le frodi, magari un errore del cliente, oppure l’immagine a piena risoluzione non soddisfa le esigenze … ok ci puó stare tutto, ma il motivo non ve lo diranno mai … hanno troppe cose da controllare non possono stare dietro a tutto!!

Ripeto che non ho mai avuto questo problema con Fotolia ne con altri siti,  solo con Dreamstime, vi copio incollo il testo che accompagna sempre l’indesiderata mail, se ci fosse bisogno di specificare in rosso le mie note a margine :mrgreen::

CUSTOMER REFUND

Dear Marta, [dear tua sorella ...]

Due to reasons which are beyond our control, [sí certo, come no] we are sorry to let you know that $18.60 have been removed from your earnings as result of a refund for file IDs 11278360. [cioé ... una licenza estesa...]

Possible refund reasons: [manca solo l'Apocalisse, o che qualcuno si stesse scaccolando il naso sulla pagina della mia illustrazione]
- Accidental download; [ok non tutti controllano il mouse con la dovuta destrezza, un click su una licenza estesa da 50 crediti puó capitare a chiunque...]
- Admin download test; [cioé fammi capire tu admin per fare un test mi scarichi una licenza estesa??]
- Credit card fraud with mandatory refund issued at request to real card holder; [ecco appunto come si diceva, i controlli chi li deve fare? Il mio gatto? E non esistono assicurazioni?]
- Duplicate download; [si torna al punto 1...]
- Incorrect size/format/license purchased; [ok questa potrebbe essere una buona ragione ma si torna al punto 1]
- License update; [questa non l'ho capita ma fa lo stesso]
- Performance issues (misspellings in texts, quality); [e su questo si potrebbe discutere, se c'è un problema di qualità perché non dirlo all'autore che magari può sostituire l'immagine per non tornare ad avere il problema?]

Due to the high volume of daily transactions, we cannot provide additional clarification on the refund performed. [ecco questo mi fa un attimino girare le pelotas, avete troppo da fare per controllare dove c'è un problema??] Measures are always taken for the licenses to be withdrawn and images deleted. Any subsequent unlicensed usage is liable to legal action and penalties. [sí certo e ci pensate voi a controllare.... con tutto quello che avete da fare...]

Thank you for your patience and understanding. [prima di ringraziare chiedetemi se la pazienza ce l'ho e se vi comprendo ...]

ok … se non mi sono giocata il BAN da Dreamstime con questo post (non è da escludere), posso dire che in un anno i refund non hanno superato i 2$, quella di oggi è stata sicuramente una svista del cliente, la licenza estesa è stata acquistata ieri e rimborsata oggi, non ho neanche avuto il tempo di gioire della mia prima licenza estesa su Dreamstime visto che ieri ero senza connessione internet e ho visto solo oggi acquisto e rimborso, meglio cosí, posso riderci sopra! :mrgreen:

È un problema che generalmente incide per pochi dollari su ogni autore, e per pochi dollari nessuno chiederà mai una consulenza legale, ma a me piacerebbe tanto sapere se i siti microstock hanno il diritto di riprendersi i soldi o se si tratta di una “clausola vessatoria” visto che gli autori non hanno nessun potere contrattuale.

Ah la licenza estesa mancata .. pelotas :mrgreen:

Christmas card
© Photographer: Milacroft | Agency: Dreamstime.com

Microstock – Settimana 6/7 – 12/7

Nel complesso è andata abbastanza bene soprattutto grazie a una buona performance su Fotolia e StockXpert, Shutterstock non perde ed è giá una buona notizia mentre su Dreamstime … una settimana disastrosa!

Statistiche Globali >

DREAMSTIME

Ho guadagnato la metà rispetto la settimana scorsa … quasi tutti abbonamenti, che tristezza! Unica vendita decente, questa con un guadagno di 2$

Kid scrapbook with blank frame message
© Photographer: Milacroft | Agency: Dreamstime.com

Va ancora bene la percentuale di accettazione, della serie “giardinaggio” sono state accettate 9 foto su 10 (hanno bocciato quella che io ritenevo la migliore … quando si dice essere obiettivi con le proprie foto…)

Caring for a new life - GardeningGardening - Cultivation of a new life or ideaGardening - Cultivation concept

Vi segnalo il nuovo assignment che questa volta prevede anche premi in denaro: E-Commerce

Una foto di Frad:

Four cherries
© Photographer: Frad | Agency: Dreamstime.com

settimane precedenti >

FOTOLIA

Fotolia sembra che si dia il cambio con Dreamstime, questa settimana i guadagni sono il doppio della precedente. Una vendita vettoriale con il vecchio e adorato prezzo di 8 crediti ..

Avevo preparato un post all’arsenico sulla classificazione dei vettoriali su Fotolia … poi ho preferito sorvolare e scrivere un post pacato ed educato sul forum per chiedere spiegazioni, Lisa ha promesso di interessarsi …

Oggi mi è tornata la voglia di riprendere quel post parcheggiato tra le bozze … non solo i file EPS subiscono una classificazione quasi sempre a sfavore dell’autore, ma ieri sera ho scoperto che vengono ancora accettati i files in formato SVG!! I files in quel formato seguono la procedura di sempre quindi niente classificazione, niente scala di prezzi e tutti a 8 crediti!! Ho fatto uno sforzo, ho contato fino a 10 … e mi sono limitata ad aggiungere a quel post sul forum una ulteriore richiesta di chiarimenti, non ho intenzione di farmi piú nemici di quelli che giá ho … ma questa è una presa in giro bella e buona. I miei vettoriali per ora restano sul mio pc, le illustrazioni le carico in formato jpg a 30mpx, almeno con il formato XXXL rischio di vendere a 8 crediti e le keywords si caricano in automatico… in attesa di chiarimenti ….

Novità della settimana: l’Abbonamento Premium che affianca l’Abbonamento Standard. Premetto che per me gli abbonamenti sono una forma di vendita con cui i Microstock sfruttano  in maniera indegna l’autore, detto questo va riconosciuto a Fotolia l’essersi almeno distinto nel non aver mai messo a disposizione per gli abbonamenti standard i formati superiori alla L per le foto, i formati Vettoriali e i Video, mi piacerebbe pensare che sia una forma per tutelare i propri “collaboratori” piú cinicamente penso che fino ad ora guadagnassero di piú cosí :mrgreen:

Ora con l’abbonamento Premium sono disponibili tutti i formati fotografici, i formati vettoriali e i video … in molti hanno gridato allo scandalo, ma sugli altri siti non è forse cosí da sempre? E se guardiamo bene ora per una foto in abbonamento Premium pagano 35 centesimi di EURO (non scordiamoci che gli altri pagano 25/30/33/36 centesimi di DOLLARO! e fa la sua bella differenza!), per i vettoriali il prezzo è di 0.35 x 3 (e non il prezzo fisso per qualsiasi formato),  per i video è di 0.35 x 10 e su questo non dico niente perchè non faccio video e non ho idea di quali siano i prezzi di vendita altrove, in ultima analisi, diamo a Cesare quel che è di Cesare, Fotolia almeno distingue all’interno dell’abbonamento i diversi formati, non che ci sia da fare i salti di gioia, ma se questo incrementa le vendite … meglio 35 centesimi di euro che niente, anche se purtroppo conteranno sempre 1/4 di punto per la classifica (e questa non l’ho mai capita perchè gli autori oltre che essere penalizzati sui guadagni debbano esserlo anche per la classifica .. bho)

Posizione a fine settimana
Classifica Assoluta: 4660
Classifica Settimanale: 1240

settimane precedenti >

SHUTTERSTOCK

Una settimana discreta, niente a che vedere con le medie di aprile, ma almeno è un pelino sopra le medie di giugno. Poche le On Demand purtroppo e poche le vendite dei files nuovi come al solito, ma qualcosa si è mosso, non nella giornata in cui sono stati pubblicati come sarebbe normale, ma 4/5 giorni dopo quando in teoria i files sono giá stati sepolti da migliaia di altre foto … non ci capisco piú niente. Questi i files nuovi che sono stati venduti:

E della serie Aggiornamento tasse (Vedi capitolo 1 e 2) questo é l’ultimo messaggio:

To All Non U.S. Submitters:

We thank you for your patience while we have taken time to carefully design a new Tax Center, in which you will find detailed information on tax matters for non U.S. submitters. We will be launching the Tax Center inside our Submit site soon, and we will send you an email announcement when it has been launched.

We also want to assure you that we will not begin withholding any taxes until after the Tax Center launch, and after you have been given a chance to determine which forms you need to comply and can begin that process. No one should submit any forms to the IRS until we have provided the additional instructions.

We apologize for the delay in providing you more specific instructions but we are using this time to consolidate everything you may need in a single location.

Again, thank you for your patience.

Adam Riggs
President & CFO

La most popular di Cristina:

In bocca al lupo a quelli che si sono iscritti con il mio codice e sono in attesa di passare l’esame, vi aspetto! :)

Settimane precedenti >

123RF

Stanno lentamente migliorando le medie, magari adesso ci metterò solo 2 mesi a mettere insieme 50$ :mrgreen:

Una buona vendita: 2.35$ guadagnati con questa

Kid scrapbook with bees and white daisies - Photo or message frames for children photo

Continuo anche a mettere qualche immagine gratuita, se interessa questa è disponibile per il download

white rose photo

Una vendita appetitosa di Cristina

Macro of prawns with salad appetizers on dark gray background photo

Settimane precedenti

iStockPhoto

Settimana in calo rispetto la precedente, ma ho deciso di cominciare un’aggressiva campagna marketing :mrgreen:

Ho scaricato la nuova versione di DeepMeta, lo avevo provato mesi fa ma non mi era piaciuto per niente, ora con la nuova versione mi trovo bene e ho scoperto che posso creare link tra immagini senza grosse difficoltà. L’ultima versione è la 1.4.1 e sono stati risolti i problemi con i server che c’erano la settimana scorsa, se non lo avete ancora fatto … aggiornate!

Una buona vendita, 3.36$

Settimane precedenti >

StockXpert

Un’ottima settimana questa soprattutto grazie ad alcuni Pay-per-download StockXpert, approfittiamone finché dura …

Una vendita che mi ha dato soddisfazione, 5$ guadagnati per questa:

Settimane precedenti >

Crestock

Piú ci penso piú mi rendo conto che questo sito mi piace solo per la grafica, fanno i difficili sulle revisioni, salvo poi bocciare pacchetti interi con una sola motivazione quindi danno l’idea di poca serietà, le vendite sono ferme da un pezzo a due abbonamenti da 25 centesimi (e se proprio vogliono fare gli sboroni perchè non pagano meglio gli autori??) e il portfolio al momento è di 107 immagini, sí insomma, sarà pure d’élite ma non è che dia molte soddisfazioni.

Una delle poche immagini salvate dallo stillicidio:

Un’immagine dal portfolio di lolloj

Settimane precedenti >

Can StockPhoto

La percentuale di approvazione è alta, oltre il 90%, ma le vendite sono scarsine, fino ad ora solo 5 abbonamenti a 30 centesimi, speriamo che si muova qualcosa.

Una delle vendite:

Settimane precedenti >

Veer / Snapvillage

Mentre ogni tanto raccatto 30 centesimi su Snapvillage su Veer è ancora tutto nel limbo, se le vendite sono giá cominciate … non sono tra i beneficiati.

Gli illustratori sono in attesa di sapere se cambierà il modo di caricare gli EPS perchè vengano caricate in automatico le keywords, speriamo che almeno qui prendano l’abitudine di rispondere in modo chiaro e univoco … e intanto a me l’FTP continua a dare problemi!

Settimane precedenti >

Microstock e foto: Workflow

Giá che l’ho fatto per le illustrazioni, metto una mini-guida per la preparazione delle foto per i Microstock. Ovviamente è un processo che ognuno ottimizza secondo le proprie necessità e software disponibili, io come al solito parlo per me e la mia esperienza, ci ho messo qualche mese per trovare il sistema piú produttivo e rapido.

Ammetto che l’organizzazione non è esattamente il mio forte … io mi sento molto meglio nel caos organizzato :mrgreen: ma ho dovuto mettere dei paletti al mio modo di lavorare per non perdere foto per strada o mandare due volte gli stessi file sullo stesso sito o scordare di taggare una foto o mandarne la versione sbagliata … in questo sono bravissima :P

Il primo passo è ovviamente il momento dello scatto,  pensate sempre che ogni scatto inutile sará poi tempo perso in fase di controllo e selezione. Scattate poco e pensando bene a quello che state facendo e quello che volete ottenere, è tutto tempo risparmiato. Acquisite dimestichezza con il mezzo e vedrete che non sará necessario fare 2000 scatti con mezzi stop di differenza da uno all’altro … ok nel frattempo c’è il rischio di dover buttare nel cesso intere sessioni, ma poi si impara … ohhhhhhhh se si impara :mrgreen:

Bene, dato per scontato che si scatta solo ed esclusivamente in RAW (e anche per questo non sono necessari i 2000 scatti con mezzi stop di differenza), bisogna sviluppare il file. Usavo giá Adobe Lightroom per i files della Fuji, è e resta per me il miglior software, ma non idoneo alle mie esigenze, i file mi piace lavorarli con Photoshop e Lightroom in pratica lo usavo solo per la selezione, correzione del bilanciamento del bianco e l’esposizione, e la Nikon ha dei profili che Lightroom puó solo emulare, in piú di un’occasione ho dovuto penare per ritrovare i colori naturali dello scatto. Ok probabilmente sono un po’ impedita e se avessi studiato meglio Lightroom avrei trovato il modo, ma ho poco tempo e il Microstock lo considero un lavoro, il tempo è denaro quindi ho cercato la soluzione piú pratica al problema: sono andata sul software Nikon. CaptureNX2 è ottimo ma è lento e non mi permetteva la selezione rapida dei file, quindi ho tagliato la testa al toro: uso ViewNX, il software gratuito che danno insieme alla macchina, per la selezione e la regolazione rapida dei files va benissimo basta solo non usare i filtri pre-impostati cosí come sono che andranno anche bene per la stampa diretta delle foto di compleanno ma per foto che poi devono essere rielaborate con Photoshop i file risultano troppo contrastati e con una eccessiva maschera di contrasto, quindi ri-regolate i filtri, alcuni saranno molto utili. (Sento in sottofondo i professionisti ridere … sí ok ridete pure ma adesso il lavoro è molto piú rapido!)

Chiusa la parentesi software, che tanto se non avete Nikon non ve ne frega niente e se siete dei fans di Lightroom ve ne fregherà meno ancora … cominciamo dallo scaricare i file dalla scheda, sí ok, so che lo sapete fare, volevo solo dire che il mio sistema di archivio è che ogni sessione la salvo dentro una cartella: ANNO-MESE-GIORNO luogo o oggetto. In questo modo ho tutto l’archivio fotografico in ordine cronologico perché il computer è scemo e non riconosce le date (cosa vi aspettate da qualcuno che sa contare fino a 1 partendo da o??).

Scaricati i Raw apro la cartella con ViewNX e comincio a cancellare i file .. da buttare :mrgreen: foto mosse, eccessivamente sovra o sottoesposte, storte, inquadrature sbagliate ecc.ecc. sui file rimasti comincio ad aggiustare, se necessario, bilanciamento del bianco, esposizione, luci/ombre in maniera abbastanza rapida (se avete seguito il primo consiglio non è una cosa che porterà via molto tempo), dopo questa prima passata riguardo con calma ogni scatto ed etichetto con un “1″ i file che mi sembrano buoni (ogni software ha un sistema di etichette), dopo aver passato in rassegna i file, escludo dalla preview quelli non etichettati, e su quelli che restano faccio una ulteriore selezione scartando inquadrature troppo simili o le inquadrature non adatte, senza comunque cancellare i files, i sopravvissuti avranno l’onore di essere salvati in TIF e passare alla tappa successiva. Salvo i file in TIF a 8 bit con compressione LWZ (ho sempre problemi di spazio e un computer non nuovissimo) lasciando il nome originale del file, io lascio sempre la numerazione progressiva della macchina. I fotografi con le palle vi diranno che i TIF vanno salvati a 16 bit …. voi fate come vi pare.  :D

Apro i file TIF una alla volta e li lavoro con Photoshop, il primo passaggio è ricontrollare se il file merita essere lavorato (è consigliabile lasciar passare almeno un giorno prima di elaborare i files .. c’è sempre la speranza di diventare un po’ piú obiettivi con le proprie foto :D ), se decido che sì, è un capolavoro che venderà 2000 copie, passo all’operazione pulizia, con il cerotto di Photoshop tolgo i punti di sporco del sensore, sporco sull’obiettivo, moscerini presi dalla mia velocitá di spostamento ahem … ecc.ecc. Secondo passaggio: una passata con un antinoise, io uso NoiseNinja versione plug-in per Photoshop con i filtri per la mia Nikonina.

Bene, fatti i passaggi essenziali si passa all’elaborazione vera e propria e qui ognuno avrá i suoi metodi dettati anche dal tipo di foto: curve, livelli, bilanciamento colore ecc.ecc. In linea di massima non elaboro mai troppo i files, su Shutterstock vi accettano files anche molto saturi e contrastati, su iStock  invece preferiscono file elaborati pochissimo, cercate una via di mezzo o in casi estremi fate due versioni distinte.

Quando la foto è pronta la salvo in TIF sempre con compressione LWZ aggiungendo 01 al nome file, e 02 se decidessi fare un’altra versione della stessa foto e così via.

Tutte le foto elaborate e salvate con l’aggiunta del numero versione le metto in una cartella “STAMPA” dentro la stessa cartella dove ci sono i RAW originali e la cartella dei TIF originali.

La parte piú noiosa, almeno per me, è quella di taggare le foto, mettere titolo, descrizione e keywords. Tutto in inglese in modo da poter caricare le foto su tutti i siti senza problemi. Io uso Adobe Bridge che si installa insieme a Photoshop, lo uso anche per una ultima e definitiva selezione dei files (sempre perché più è lontano il momento dello scatto piú ci sentiamo distaccati emotivamente dalle nostre foto e possiamo forse essere un po’ piú obiettivi).

Se necessario ricerco le keywords su questo sito: FindKeywords o PhotoKeywords e sempre se necessario controllo le traduzioni con WordReference, perché se è vero che possiamo evitare di scrivere cazzate in lingua straniera possiamo anche evitare di ripetere le cazzate altrui (e ce ne sono …). Evitate di mettere piú di 50 keywords, alcuni siti ne accettano di piú ma poi sugli altri vi toccherebbe correggere, 50 keywords se ben scelte sono piú che sufficienti, se sono meno e piú centrate avrete meno problemi con il submit su iStock. Una volta taggate le foto, le seleziono tutte e con l’utile comando di Bridge: Strumenti > Photoshop > Elaboratore immagini, le salvo tutte in JPG compressione 12. Fatto questo sposto i JPG nel reparto Microstock :mrgreen:

Nella cartella Foto Microstock creo una cartella ANNO-MESE Luogo o oggetto per ogni sessione o soggetto, e suddivido i JPG taggati in cartelle da 4/5 files ciascuno, lavoro con 9 stock e la banda è quella che è. Tengo traccia dei vari uploads con un foglio di excel.

Ogni sito ha il suo sistema di upload, nella maggior parte dei casi … anzi tutti meno iStock mettono a disposizione un server FTP. Per chi lavora con molti stock ci sono strumenti utili come ProStockManager, un programma che vi permette di taggare le foto e inviarle su diversi siti, la versione Free è completa con l’unico limite di 5 uploads al giorno, anche per questo i miei pacchetti sono di quelle dimensioni. Altra risorsa interessante, e partita da poco, è iSyndica, potete caricare sul loro server le vostre foto e loro le inviano ai vari siti, al momento non sono tutti disponibili ma credo che lo saranno presto e prevedo anche che nasceranno servizi simili in un prossimo futuro. Unico difetto … costa un po’ troppo per le mie tasche e la versione free per chi lavora come me con 9 stock è troppo limitata, ma se prima della fine dell’anno mi avanza qualche euro (ahahahahah questa è buona…) ci faró un pensierino, per chi ha poco tempo e poca banda è un’ottima soluzione.

Workflow

Piccoli suggerimenti e teorie personali

Su Shutterstock non amano molto le foto di paesaggio ad esclusione di ambienti tropicali o con colori sgargianti, in poche parole non vogliono foto da mostra ma da poster stile agenzia di viaggi. Vanno bene gli still life soprattutto concettuali o legati al fitness, ecologia, tecnologia e finanza. Foto di fiori e animali domestici saranno bocciati se non sono foto particolari o che spiccano per originalità commerciale. Accettano anche serie dello stesso soggetto senza tanti problemi se le foto sono buone. É il sito piú “commerciale” di tutti i Microstock, il lato artistico delle foto non è tra le prioritá dei selezionatori.

Su Fotolia amano le foto con persone soprattutto in ambienti di lavoro, in casa, occupati in qualche attività, anche il loro sistema di categorie si basa su concetti legati allo stile di vita, oppure still life concettuali. C’è da dire che qui la selezione viene fatta piú in base al soggetto che alla qualità tecnica o artistica delle foto e in ogni caso avendo il sistema di revisione piú criptico di tutto l’emisfero Microstock, non saprete mai esattamente perchè una vostra foto è stata bocciata.  Non amano le serie quindi evitate di mandare molti scatti dello stesso soggetto rischiate che ne prendano due a caso e boccino il resto. Nelle categorie tipo paesaggi, fiori, piante e animali le foto passano solo se sono ottime , o se capitate sotto un revisore in una giornata in grazie divina o se sono di certi autori … quest’ultima è una nota personale :mrgreen:

Su iStock avviene esattamente il contrario che su Fotolia, qui il soggetto è secondario rispetto l’aspetto tecnico e artistico della foto, le revisioni sono severe, a volte un po’ insulse, ma mai prive di spiegazioni. Per la mia esperienza se una foto è buona passa la revisione anche se è un fiore, un paesaggio o un gatto … peró dev’essere buona davvero :D. La parte piú indigesta è l’upload, il sistema è lungo, macchinoso e noioso e il limite di 15 uploads in fondo credo lo abbiano messo per la salute degli autori!

Su Dreamstime le revisioni dipendono moltissimo da chi le fa, potete mandare 2 pacchetti di foto della stessa serie e puó capitare che un pacchetto viene rifiutato per intero con commenti del tipo “well covered” o “lack of composition” e l’altro pacchetto tutto accettato, difficile fare previsioni, ma è forse il sito piú votato all’autore tra tutti i microstock che tendono chi piú chi meno a badare solo ai clienti e fare in modo che gli autori rompano il meno possibile dando strumenti di controllo e contatto minimi (Fotolia è un buon esempio). Su Dreamstime avete la vostra paginetta con i vostri amici, le vostre collezioni, le statistiche, i commenti alle foto, sí insomma ha l’aspetto di una community fotografica e c’è chi lo ama per questo.

Profili Adobe Camera Raw per Nikon

ViewNX 1.3.0 Download

Microstock – Settimana 8/6 – 14/6

In leggero miglioramento rispetto la precedente grazie anche a una licenza estesa su Shutterstock, Fotolia sembra essere in ripresa, Dreamstime veleggia sulle medie solite, Veer Marketplace (ex Snapvillage) ha mandato i dati per confermare l’adesione, ma per le vendite ci sarà da aspettare.

Statistiche Globali

DREAMSTIME

Il leggero calo rispetto la settimana precedente però con vendite piú sostanziose meno abbonamenti. I tempi di revisione stanno risalendo, siamo intorno alle 80 ore, la settimana scorsa avevano alzato il limite di upload ora lo hanno tornato da abbassare …. si incartano da soli ….

Quando una foto passa di livello comincia a rendere bene, questa è al livello 2 (per adesso non ho foto oltre questo livello), una vendita in formato “medium” mi ha fruttato 5 crediti (2008) ossia 2.50$

Solar power plants.
© Photographer: Milacroft | Agency: Dreamstime.com

Ho venduto anche una delle prime foto mandate e che non avevo mai venduto. 3 crediti (2008),  1.20$ (se qualche anima pia volesse finalmente spiegarmi come cavolo funzionano ora i compensi …)

Tomatoes and basil
© Photographer: Milacroft | Agency: Dreamstime.com

Una nuova foto di Frad, il soggetto mi sembra interessante per il microstock

Light Emitting Diode
© Photographer: Frad | Agency: Dreamstime.com

settimane precedenti >

FOTOLIA

Le vendite sono tornate nella media, anche se non abbastanza per recuperare le 2 settimane precedenti. Sui vettoriali non c’è mai stata una risposta in merito alle classificazioni e a dir la verità i timidi e scarsi tentativi sul forum per avere spiegazioni sono caduti nel vuoto. Fotolia ha ottenuto un abbassamento dei prezzi dei vettoriali a costo zero, tanto noi continuiamo a mandarli ugualmente! E come se non bastasse il problema delle keywords che non si caricano non è ancora stato risolto e non credo a questo punto che verrà risolto, alla fine cosa gliene frega a loro se a perdere il tempo siamo noi a taggare a mano ogni file, tanto i files li carichiamo ugualmente!

Sabato ho venduto tutte e 10 le illustrazioni con i numeri … anche se solo in formato XS, è una bella soddisfazione, quello che mi dà da pensare è che grazie a 10 vendite normali e 1 abbonamento sono schizzata in avanti nella classifica settimanale di ben 500 posizioni! Vero è che è stato di sabato, ma questo mi fa riflettere sul volume delle vendite.

Uno dei miei numerilli fortunati:

Ho mandato anche una serie di illustrazioni per bambini da colorare che non ho idea se venderanno o no, ho visto che Fotolia ha dato una buona “pertinenza” mi fa ben sperare … vedremo

Certo è che se il watermark di Fotolia serve a che non scarichino le immagini … stiamo freschi! :mrgreen:

Posizione a fine settimana:
Classifica Assoluta: 5120
Classifica Settimanale: 772

settimane precedenti >

SHUTTERSTOCK

Meno male che ho venduto una licenza estesa che salva il risultato, ma sono nel complesso abbastanza delusa: di tutte le nuove immagini mandate negli ultimi 15 giorni ne ho vendute pochissime e senza la licenza estesa il guadagno sarebbe inferiore alla settimana passata.

Lo avevo giá accennato tempo fa ma non ho mai approfondito il discorso, quando i microstock dicono che siamo “collaboratori” e che è interesse delle due parti vendere foto … MENTONO!! I Microstock, Shutterstock in particolare, vendono abbonamenti o pacchetti di crediti, non singole foto, con gli abbonamenti non vendono un blocco di foto, vendono un servizio grazie al quale un cliente ha il diritto di scaricare FINO A 25 foto al giorno. Se fate i calcoli vedrete che in teoria gli autori incassano piú di quanto il sito non incassi dal cliente …. e allora perchè i siti si smartellano i maroni a vicenda per abbassare i prezzi sugli abbonamenti? Semplice, perché come ho giá detto vendono un servizio e il guadagno sta nel fatto che nessun cliente sfrutterà quel servizio per interno scaricando 25 foto al giorno per 365 giorni all’anno, meno il cliente userà il servizio più il microstock guadagna. Questo vale in modo particolare per Shutterstock che ha il 90% delle vendite in abbonamento. Secondo me queste sono le tattiche usate da Shutterstock per aumentare i guadagni:

- Si dà la precedenza agli autori appena iscritti, primo perchè guadagnano la tariffa minima di 25 centesimi e secondo perché è probabile che passi piú di un mese prima che l’autore venga pagato (ricordiamoci che gli abbonamenti vengono pagati in anticipo dai clienti!)

- Si incentiva gli autori a far iscrivere agli autori con il sistema dei referrals in modo di avere sempre e comunque a rotazione gente nuova che incassa il minimo.

- Si aggiornano le pagine ogni 2/3 giorni e non con l’ordine cronologico delle approvazioni, benchè tutti i file approvati potrebbero andare online immediatamente o quasi, in questo modo si ottengono 2 risultati: vengono messi online da subito solo i file degli autori nuovi (vedi punto 1), il cliente abituale scaricherà le 25 foto/immagini il primo giorno, il secondo trovando la stessa pagina delle novità difficilmente andrà a vedere piú indietro di 4 o 5 pagine, quando in realtà nel momento in cui c’è un aggiornamento i nuovi files occupano secondo le categorie da 8 a 20 pagine (non dimentichiamoci che ormai siamo su una media di 90.000 files nuovi a settimana)

- Come giá detto sopra i Microstock incassano in anticipo gli abbonamenti e i pacchetti di crediti dai clienti, ma gli autori vengono pagati in modo dilazionato durante l’anno, ora, nessuno sa esattamente qual’è il giro d’affari sugli abbonamenti ma siccome la matematica non è un’opinione possiamo farci un’idea sugli interessi che maturano dilazionando e frazionando i pagamenti agli autori ….

Una delle poche vendite tra i miei files nuovi:

La licenza estesa


settimane precedenti >

123RF

Finalmente è arrivato il pagamento, le vendite proseguono con andamento lento e questa settimana anche più lento del solito. Gli aggiornamenti sulle vendite vanno a singhiozzo, si vedono le vendite della giornata in corso ma il giorno dopo nel riassunto non c’è niente e ricompaiono dopo 2 giorni …. devono avere qualche problemino.

Mi è stato suggerito di creare e tenere aggiornata la lightbox delle favorite, l’avevo fatta tempo fa e poi l’avevo dimenticata, in pratica è una lightbox in cui ogni autore mette le foto che ritiene migliori all’interno del suo portfolio, queste dovrebbero avere una certa priorità su altre nel sistema di ricerca. Ogni 20 foto si puó aggiungere una “Faved”.

Una subscription


peasant in a field with rake, mannequin photo

E prima vendita anche per Cristina, mi piace molto il suo portfolio

Closeup of a red calla, focus on pistil photo

settimane precedenti >

ISTOCKPHOTO

Una settimana ben strana, lunedì partenza al fulmicotone, 4 vendite per un totale di quasi 12$, mai venduto così tanto in un giorno solo (quella cifra di solito la faccio in 15/20 giorni :mrgreen: ), martedì altre 2 vendite per quasi 5$ e quando comincio ad illudermi di aver preso finalmente il volo per l’olimpo dei Microstock… mercoledì 3 vendite per 1.8$ e poi il nulla assoluto ….

In ogni caso, viste le medie fatte fino adesso posso dire che è stata una settimana “grandiosa” e mi mancano solo 3 dollari per richiedere il primo pagamento!

Come su 123RF anche su Istock sto cominciando a studiare qualche modo per promuovere le foto e devo dire che mi è venuto incontro Faberfoto con uno strumento davvero carino: iStockPhoto UBB Generator

Ho giá messo nel mio profilo alcune raccolte.

Tra le vendite di questa settimana:

settimane precedenti >

VEER MARKETPLACE (snapvillage)

L’8 di giugno è arrivata puntuale la letterina attesa da tutti gli iscritti a Snapvillage, una volta effettuato l’accesso con i dati presenti nella mail il sito ti chiede l’autorizzazione a prelevare tutto il tuo portfolio e i dati personali da Snapvillage e dici, ok fin qui niente di strano, poi ti si apre una schermata in cui ti chiedono se sei residente negli USA, ahia … mo’ ci siamo…., la seguente schermata ti chiede se sei il proprietario dei diritti che cedi, sí ok …, e sorpresa … hai vinto un pesce rosso!! Ah no scusate quello era un altro sito … dicevo … sorpresa si apre uan schermata con il famigerato modello W-8 in cui ti si dice che essendo tu il proprietario dei diritti che cedi non hai bisogno di richiedere il maledetto codice ITIN tramite il modulo W7vattelapesca, basta compilare e inviare. Non sto a dire che ovviamente essendo destinato a NON residenti USA è tutto in inglese … ma si sa con gli americani è abbastanza inutile parlare di rispetto delle culture esistenti al di fuori degli stati federali …. (manco rispettano quelle che hanno dentro..)

E allora tutto il caos su Shutterstock? È ancora un mistero irrisolto, nessuno ha dato ulteriori spiegazioni ed è ancora tutto in sospeso …

Al momento si caricano solo le immagini, per le vendite ci sará da aspettare ancora, nella prima lettera si parlava di metá estate ora di fine estate …. sí insomma forse per Natale ce la facciamo.

Il sistema di uploads è tramite web oppure tramite FTP con connessione protetta (e giá avere un FTP arrivando da Snapvillage ti viene da inchinarti al dio della porta 21…), poi devi fare il submit che mi pare un po’ macchinoso e scomodo se si inviano molti file giá che devi scrollare la pagina per aggiustare titoli, descrizioni e keywords. [NDR: Scrollare sta per usare lo SCROLL, la rotellina del mouse, non c'è bisogno di agitare violentemente il monitor, so che non dovrebbe essere necessaria la spiegazione ma non vorrei che qualcuno mi citasse per danni]

Il sistema non sarebbe male ma … perchè  c’è sempre un MA … i vettoriali devono essere caricati solo come EPS versione AI8, niente jpg, e di per sé non sarebbe un male, si risparmia tempo … COL CAVOLO!, la versione AI8 non supporta i metadata indi titolo, descrizione e keywords vanno messe a MANINA (la similitudine con Fotolia comincia darmi l’orticaria) e non è tutto, le keywords devono essere separate da una virgola quindi niente copia incolla dal file info di Photoshop che mette il punto e virgola, quindi copia incolla da Photoshop a blocco note,  sostituzione del “;” con “,” e copia incolla sul sito … porlamordedios se qualcuno piú sveglio di me ha giá trovato un sistema piú umano per favore che me lo comunichi!

Credo che i microstoKKari dovrebbero fondare un’associazione e fare richiesta ai vari siti perchè rendano più omogenei i sistemi e i formati … ora che l’ho scritto mi pare che abbia un’aria vagamente SINDACALISTA :mrgreen: quando l’ho pensato non mi sembrava … quindi evito di aggiungere che se esistesse tale organizazione si potrebbe anche strizzare un po’ le palle a certi siti perchè rivedano i compensi e i trattamenti

AN3E1C1107

Ah su Snapvillage qualcuno ha speso il residuo di qualche abbonamento e per 30 centesimi ho venduto questa:

settimane precedenti >

IN BREVE

Su StockXpert ho passato il traguardo dei 1000 file online, ho ancora un sacco di foto in pending, questa settimana mi pare abbiano passato solo illustrazioni, le vendite sono andate meglio cle la settimana passata.  CanStock è sempre lì, oltre il 90% di immagini accettate e ancora nessuna vendita (e poche viste …). Crestock è sempre lì, mi bocciano quasi tutto e questa settimana nessuna vendita :mrgreen:


Foto aGGratis 2

Avevo giá parlato tempo fa di come i vari Microstock mettano a disposizione anche immagini gratuite, io ne messe alcune che sono disponibili a rotazione durante la settimana in formato “blog” (400 pixel lato lungo) nella sezione gratuita di 123RF

torrent photo
torrent photo
puppet with roses photo
drops rain and open umbrella - vector illustration children style photo

Almond trees in flower - Cultivation - Spain photo

Se vi servono … potete scaricarle. :mrgreen:

Grazie Staff!

Questa mattina nella home page di Micromosso ho trovato una gradita sorpresa, una delle mie foto come “Editor Choice” :D

Non è una foto “studiata” ma la documentazione di una delle tante incursioni feline sui miei set fotografici, qualcuno magari si ricorda delle Nature Morte Faticose!

Ed ecco Holabola immortalata con il manichino che le offre i fiori …

That’s Amore!

Modelli ….

Ho rimesso all’opera il mio modello legnoso, questa volta foto in studio eh! niente campi e terra, doveva solo recitare! (Studio insomma … in casa …)

Gli ho fatto fare l’elettricista:

Elettricista © MilaCroft

Elettricista © MilaCroft

e poi il contadino

Contadino © Milacroft

Contadino © Milacroft

il pittore

Pittore © MilaCroft

Pittore © MilaCroft

il muratore

Muratore © MilaCroft

Muratore © MilaCroft

poi ad un certo punto sbotta:

ehhhh dumaroun*… ma non se ne puó piú!

Manichino Incazzato © MilaCroft

Manichino Incazzato © MilaCroft

Che anche i manichini nel loro piccolo s’incazzano eh!

Ha mollato tutto, si è messo in un angolo imbronciato e ha detto che lui si metteva in mutua per depressione … e mo’ adesso sono senza modello!!

Manichino Depresso © MilaCroft

Manichino Depresso © MilaCroft

* colorita esclamazione modenese: che due palle

Arrivo!!!

Un pezzo di carbone a tutti quelli che durante l’anno hanno scritto piú di 10 “bella! Ciao!” nei commenti a una fotografia

Un pezzo di carbone a tutti quelli che hanno scritto “ma l’hai provata in bn?

Un pezzo di carbone a tutti quelli che davanti a una foto degna di questo nome hanno pensato “con quella macchina e quell’obiettivo l’avrei fatta anche meglio

Un pezzo di carbone a tutti quelli che davanti a una foto degna di questo nome hanno pensato “se sapessi usare Photoshop la farei anche meglio

Un pezzo di carbone a tutti quelli che: “i commenti aiutano a crescere” ma alla prima critica sbattono la porta e se ne vanno dai siti per andare in altri siti ….

e mo’ .. ho finito il carbone!

Torno subito ..

bricklayer

Un paio di sbadilate ancora, prendo la scopa e arrivo!

Gli auguri di biru, che, bontá sua, ha messo le XX nell’annata :P

Ringrazio tutti per gli auguri, in particolare gli amici di Micromosso, e per ricambiare vi invito alla festa organizzata dal Presidente in persona a Bananas Republik